Sri Lanka, video mostra attentatore suicida accanto a bandiera Isis

Views

Un video pubblicato online dai sostenitori del gruppo militante sunnita dello Stato islamico  mostra i kamikaze che hanno compiuto gli  attacchi sanguinosi di domenica in Sri Lanka. Posano  accanto a bandiere dello Stato islamico. Tre chiese cattoliche e tre hotel a cinque stelle sono stati presi di mira la domenica di Pasqua da un totale di nove esplosioni, che hanno ucciso circa 300 persone e ferito oltre 500. Gli attacchi quasi simultanei hanno colpito posizioni nelle coste occidentali e orientali dello Sri Lanka e si ritiene che costituiscono il più sanguinoso attacco terroristico nella storia del paese.
Tutti e sette i kamikaze che hanno compiuto gli attacchi di domenica sono stati identificati come cittadini dello Sri Lanka e membri del gruppo jihadista sunnita National Thowheeth Jama’ath (NTJ). Il gruppo dello Sri Lanka ha rivendicato la responsabilità di una manciata di operazioni per lo più di sabotaggio nei suoi tre anni di storia. Si ritiene che sia stato fondato da fondamentalisti islamici nel 2016. Ha fatto la sua prima apparizione pubblica nel 2018, in risposta a una serie di pogrom anti-musulmani guidati da buddisti cingalesi nel paese insulare. Ci sono rapporti che suggeriscono che le esplosioni di domenica facevano parte di un’operazione molto più ampia volta a destabilizzare lo Sri Lanka. La polizia ha riferito di aver trovato circa 100 detonatori di bombe alla stazione degli autobus di Colombo, lunedì, mentre una bomba inesplosa è stata trovata all’interno di un veicolo parcheggiato in un’altra chiesa della capitale dello Sri Lanka. Una bomba  inesplosa è stata anche scoperta nelle vicinanze dell’aeroporto internazionale di Bandaranaike, a Colombo, nella notte di domenica.
I funzionari dell’Intelligence indiana sono stati i primi a tracciare apertamente una connessione tra gli attacchi di domenica e lo Stato islamico, il gruppo militante sunnita noto anche come Stato Islamico dell’Iraq e della Siria (ISIS). Un funzionario indiano ha dichiarato al quotidiano Asia Times di Hong Kong che “l’NTJ era solo un soldato e che era diretto da  qualcun altro”. Lunedì, un video è apparso su un canale online associato ai sostenitori di ISIS, che contiene un montaggio delle conseguenze degli attacchi di domenica, intervallati da immagini statiche di uomini mascherati che brandivano fucili davanti alle bandiere dell’ISIS. Il video nomina gli uomini che potrebbero essere gli attori degli attacchi suicida. Il video dell’ISIS  lancia minacce contro i “crociati”, un termine anti-occidentale spesso usato dai jihadisti sunniti. Il video avverte anche che “gli eserciti dello Stato Islamico rimangono ovunque e continuano a far saltare le fortezze degli infedeli”. Molti pensano alla tragedia di Notre-D’ame.
Nel frattempo, il governo dello Sri Lanka ha dichiarato lo stato di emergenza lunedì notte, che dovrebbe durare diverse settimane. L’annuncio dello stato di emergenza è stato fatto dal presidente del paese, Maithripala Sirisena, a seguito di una riunione del Consiglio di sicurezza nazionale, che ha presieduto.

Sri Lanka, video mostra attentatore suicida accanto a bandiera Isis

EVIDENZA 2, INTELLIGENCE |