Terrorismo: Nitrato d’ammonio anche in Italia

Views

(di Andrea Pinto) Il nitrato d’ammonio, un comune fertilizzante,  serve per costruire esplosivi devastanti, non è caro ed è facilmente trasportabile. Una risorsa preziosa per i gruppi terroristici tant’è che, a quanto pare, ne avrebbero in grosse quantità già disponibile in diversi paesi europei. Basta che arrivi l’ordine e le cellule dormienti sono pronte ad attivarsi per compiere l’attentato. A svelare la  notizia è stata la Repubblica. Gli Stati Uniti accusano Hezbollah “Nasconde nitrato di ammonio in Italia“.  La stessa sostanza che ha causato l’enorme esplosione al porto di Beirut il 4 agosto scorso.

A lanciare l’allarme è stato l’ambasciatore americano, Nathan Sales, capo dell’antiterrorismo al Dipartimento di Stato.  Intervenendo in un dibattito pubblico ha detto: “Hezbollah ha depositi di armi e di nitrato di ammonio in Europa ed è pronto ad usarli per attacchi terroristici ordinati dall’Iran”. 

A supporto delle parole di Sales ci sarebbe un “dossier” di alta classifica  dell’intelligence: “questi depositi sono adesso in paesi come Belgio, Francia, Grecia, Spagna, Svizzera ed Italia”. 

L’antiterrorismo inglese, su imbeccata del Mossad israeliano, ha di recente scoperto e distrutto a Londra un deposito con un ingente quantità di nitrato di ammonio. Secondo il report dell’intelligence Usa la pericolosa sostanza sarebbe nascosta anche in Germania, Belgio, Francia, Grecia, Spagna, Svizzera  e Italia. Quest’anno in Germania e Francia ne sono stati individuati due. La Repubblica ha chiesto chiarimenti alle nostre agenzie di sicurezza e a fonti di governo senza ricevere alcuna  conferma né  tantomeno una smentita. 

Sales ha anche precisato che tale concentrazione in Europa serve ai gruppi terroristici, Hezbollah in particolare“…per condurre importanti attacchi terroristici ogni volta che i suoi padroni a Teheran lo ritengano necessario”. 

Armi ed esplosivo starebbero in Europa, secondo fonti dell’intelligence israeliana, già a partire dal 2012. Nel 2015 è stato scoperto il deposito clandestino di Londra poi quello in Germania. Per tre anni e mezzo gli 007 del Mossad hanno seguito le tracce di armi ed esplosivo del gruppo terroristico non solo nei paesi dell’Unione Europea ma anche a Cipro e Thailandia. A New York è stato sventato per tempo il tentativo di creare un deposito clandestino grazie alla collaborazione tra  i servizi americani, israeliani e inglesi.

Ma cos’è il nitrato d’ammonio?

Il nitrato d’ammonio, formula chimica NH4NO3, è uno dei fertilizzanti piu’ usati al mondo, viene prodotto in piccoli pellet porosi, o “prill”, ed e’ uno dei principali componenti degli esplosivi minerari, nei quali viene miscelato con petrolio e detonato con una carica esplosiva. Non è semplice far detonare spontaneamente il nitrato di ammonio perchè non brucia spontaneamente, ma agisce come fonte di ossigeno che accelera la combustione di altri materiali. Perché avvenga la combustione è necessaria la presenza di ossigeno. I prill di nitrato di ammonio forniscono una fonte di ossigeno molto più concentrata dall’aria che ci circonda, per questo la sostanza è efficace negli esplosivi usati in miniera, mescolata con altre sostanze combustibili.

A temperature sufficientemente elevate però il nitrato d’ammonio si decompone spontaneamente con violenza, producendo a gran velocità gas quali ossidi di azoto e vapore acqueo, questo rapido rilascio di gas scatena l’esplosione. La decomposizione violenta del nitrato di ammonio si può verificare se avviene un’esplosione nei pressi del luogo dove è immagazzinato, se nei pressi si sviluppa un incendio intenso. E’ già accaduto a Tianjin, in Cina, nel 2015, quando un’esplosione uccise 173 persone in uno stabilimento chimico dove erano immagazzinati composti infiammabili e nitrato d’ammonio.

Un’esplosione di nitrato di ammonio produce grandi quantità di ossidi di azoto, tra cui il biossido di azoto, (NO2), un gas rossiccio e dal cattivo odore. Gli ossidi di azoto sono comunemente presenti nell’inquinamento atmosferico urbano e possono irritare il sistema respiratorio. La presenza di ossidi di azoto è particolarmente preoccupante per chi ha problemi respiratori.

Terrorismo: Nitrato d’ammonio anche in Italia

| EVIDENZA 1, INTELLIGENCE |