Vavilova, spia russa sotto copertura in Usa intervistata dal The Guardian

Views

Una delle dieci spie russe sotto copertura arrestate negli Stati Uniti nel 2010 e scambiate con spie americane e inglesi detenute da Mosca, ha parlato per la prima volta con i media occidentali.

Elena Vavilova venne arrestata dall’Ufficio federale americano nel giugno 2010 insieme a suo marito Andrei Bezrukov. Durante i suoi due decenni di attività sotto copertura negli Stati Uniti, la coppia di sposi ha usato le identità rubate di due  cittadini canadesi morti, Tracy Foley e Donald Heathfield.

Vavilova ha affermato di essere di origine franco-canadese e di aver  lavorato come agente immobiliare. La coppia non parlava mai russo a casa e i loro due figli, Alex e Tim Foley, non erano a conoscenza delle identità segrete dei genitori.
La scorsa settimana, Vavilova, che ora lavora come consulente privato a Mosca, ha parlato con Shaun Walker, corrispondente in Russia per il quotidiano britannico The Guardian.

È stato il primo incontro faccia a faccia con un media occidentale. Il motivo dell’intervista è stato dato dal recente libro di Vavilova, A Woman Who Can Keep Secrets (in lingua  russa), che racconta la sua carriera e il  suo matrimonio con Bezrukov. Offre approfondimenti rari sul programma russo di “spie sotto copertura” risalente al periodo sovietico.

I due protagonisti del libro si incontrano come studenti in Siberia, dove vengono reclutati dal KGB e trascorrono diversi anni di formazione imparando lingue straniere e mestieri di artigianato. Parte della loro formazione consisteva nel vivere in una casa del KGB, simile ad una  casa di periferia americana, per familiarizzare con la vita occidentale. Si ritiene che questo racconto includa elementi reali delle vite e delle carriere di Vavilova e Bezrukov. I due si sposarono in Russia ma si trasferirono in Canada separatamente, usando false identità canadesi. Hanno fatto finta di incontrarsi per la prima volta in Canada, dove si sono “frequentati” e alla fine si sono “sposati” prima di trasferirsi negli Stati Uniti per iniziare il loro lavoro di spionaggio.
Vavilova ha detto al cronista  Walker che la visione data in pasto alla stampa sulla scarsa qualità delle informazioni di intelligence fornite alla Russia è sbagliata. “Certo che non posso parlarne“, ha detto, “ma so cosa stavamo facendo e non importa cosa dicono gli altri“.

Ha anche affermato che l’addestramento per le spie prevedeva l’utilizzo di armi e abilità nelle arti marziali.  Vavilova ha, anche, aggiunto che queste abilità non sono mai state utilizzate sul campo ma sono risultate molto utili nelle missioni notturne dove il crimine di strada negli Usa era molto più diffuso che in Russia durante la Guerra Fredda.

 

Vavilova, spia russa sotto copertura in Usa intervistata dal The Guardian