Video -Turchia inaugura Accademia Militare a Mogadiscio

Views
   

La Turchia ha aperto oggi nella capitale della Somalia Mogadiscio il suo più grande centro di addestramento militare all’estero. A inaugurare la struttura militare sono stati il capo di Stato maggiore di Ankara, Hulusi Akar, e il primo ministro somalo Hassan Ali Khaire, in una cerimonia nel nuovo centro costruito dalla Turchia in Africa. Secondo quanto riferisce la stampa turca, la cerimonia si e’ svolta tra stringenti misure di sicurezza.

“Il mio governo e il nostro popolo della Somalia non dimenticheranno mai l’enorme aiuto dei nostri fratelli turchi. Questo centro ci aiuterà ad addestrare più militari”, ha dichiarato il premier somalo Khaire. Da parte sua, il capo di Stato maggiore turco ha affermato che il governo di Ankara intende continuare a sostenere “i fratelli somali fino a quando il loro paese diventerà più forte dal punto di vista militare”. Il nuovo centro di addestramento in Somalia e’ situato a sud di Mogadiscio ed e’ stato completato dopo due anni di lavori. L’area interessata dalla nuova struttura occupa 4 chilometri quadrati e potrà ospitare fino a 1500 soldati in addestramento.

Sarà destinato alla formazione delle forze somale impegnate contro i jihadisti Shebab. 200 i soldati e gli addestratori turchi che saranno dispiegati nella base, situata nei pressi dell’aeroporto di Mogadiscio. “Questa accademia è diversa perché i turchi non solo addestreranno le truppe, ma le doteranno delle loro attrezzature militari in modo che non saranno lasciate sole una volta terminata la formazione.

40 i milioni di dollari di investimento. Dopo la base in Qatar aperta nel 2015 le mire espansionistiche del governo di Erdogan non si sono arrestate e proseguono. Nel paese del Corno d’Africa la politica di investimenti e aiuti umanitari hanno superato i 400 milioni di dollari. Gli stanziamenti sono iniziati nel 2011 e sono serviti per l’apertura di una faraonica ambasciata nella capitale, per il nuovo aeroporto, per il porto gestito da società turche, per un nuovo ospedale intitolato a Erdogan oltre che per nuove strade e la loro illuminazione.