Coronavirus: “il video che mostra la tragedia, la verità, l’attuale impotenza”

Views

Il sito cinese Xinhua ha fornito gli ultimi aggiornamenti della situazione in riferimento all’epidemia del #coronavirus. Casi confermati sono stati segnalati anche nella Cina di Hong Kong, Macao e Taiwan, nonché in Thailandia, Giappone, Repubblica di Corea, Stati Uniti, Vietnam, Singapore, Malesia, Nepal, Francia e Australia.

I media mondiali parlano di poco meno di 60 decessi e di migliaia di infettati. Da qualche ora gira un video in rete che, invece, dimostra una  situazione tutt’altro che sotto controllo. Le morti probabilmente sono molto più numerose di quelle dichiarate. Naturalmente i contenuti del video potrebbero essere il frutto di una magistrale manipolazione, tuttavia se fosse vero saremmo in presenza di una pericolosa pandemia che di ora in ora sta assumendo sempre più caratteristiche allarmanti.

Infettati caduti esanimi per strada con lo stupore dei passanti. 

 

Il fatto che la situazione non è da sottovalutare è dato dalla macchina che il governo cinese ha messo in moto.

Il sito cinese Xinhua riporta che medici e infermieri si precipitano a Wuhan, il centro del nuovo focolaio di coronavirus (2019-nCoV). Anche materiali medici stanno arrivando in in grande quantità questa città. Nonostante le festività del Festival di primavera, le fabbriche corrono contro il tempo per produrre le maschere e gli indumenti protettivi necessari.
La Cina sta rafforzando le azioni a livello nazionale per contenere la nuova epidemia di polmonite, dato che 30 regioni hanno riportato nuovi casi di coronavirus e hanno attivato tutte le procedure di emergenza sanitaria di primo livello a partire da sabato.

Un meeting della leadership del Partito Comunista Cinese ieri  ha chiesto apertamente sforzi a tutta la nazione per curare i pazienti infetti: accelerare l’aumento del personale medico e un maggiore coordinamento delle risorse mediche civili e militari.

Più di mezzo milione di medici  hanno aderito alle misure di prevenzione dell’epidemia, al controllo e al trattamento dei pazienti in Hubei, ha affermato Li Tao, un funzionario della Commissione sanitaria provinciale di Hubei.
Nel frattempo  686 medici e infermieri inviati da Shanghai, Guangdong, Hunan, Sichuan e Zhejiang, hanno aderito agli sforzi a Hubei, ha detto la commissione provinciale.
La Cina invierà altre 12 squadre di oltre 1.600 medici e infermieri  nelle aree colpite duramente dal nuovo focolaio di coronavirus nella provincia di Hubei, ha dichiarato domenica Ma Xiaowei, direttore della National Health Commission.

Abbiamo anche portato un gran numero di materiale per trattamenti medici. Riteniamo che la nostra continua partecipazione aumenterà la forza medica e aumenterà la possibilità di sconfiggere  l’epidemia“, ha affermato Zhang Mingming, un membro del team medico di Shanghai presso l’ospedale di Wuhan Jinyintan.

Tre battaglioni di militari  per un totale di 450 persone, che sono volate a Wuhan venerdì notte, hanno immediatamente iniziato a lavorare in tre ospedali designati a Wuhan.

Non ho dubbi sul fatto che con tutti gli sforzi concertati da tutto il paese, conterremo la situazione epidemica“, ha dichiarato Song Liqiang, 50 anni, vice capo del dipartimento respiratorio e terapia intensiva dell’ospedale Xijing a Xi’an, capitale della provincia dello Shaanxi. Song ha nel suo curriculum l’esperienza in terapia intensiva durante l’epidemia di SARS nel 2003.
La provincia di Hubei ha riportato 323 nuovi casi confermati di polmonite causati dal  coronavirus (2019-nCoV) e 13 nuovi decessi sabato, ha riferito domenica l’autorità sanitaria provinciale.

Alla fine di sabato, la provincia ha riportato 1.052 casi cumulativi confermati di polmonite, con 52 decessi e 129 casi in gravi condizioni.
Gli esperti affermano che la distribuzione geografica dei casi di infezione di Wuhan, segnalati per la prima volta alla fine di dicembre, indicava una stretta relazione tra l’epidemia e un mercato locale di frutti di mare.

La Cina in totale  ha segnalato 1.975 casi confermati di polmonite causata dal Coronavirus di cui 324 in condizioni critiche, nelle varie regioni  ad eccezione della regione autonoma del Tibet. La polmonite causata dal Coronavirus ha provocato 56 morti, secondo la National Health Commission.

Le autorità di Wuhan hanno deciso di costruire due ospedali improvvisati – Huoshenshan con circa  1.000 posti letto e Leishenshan con una capacità da 1.300 a 1.500 letti – per curare i nuovi pazienti con polmonite. La costruzione delle due strutture è in corso. Gli ospedali Huoshenshan e Leishenshan saranno pienamente in funzione  il prossimo  3 e il 5 febbraio.
“Abbiamo mobilitato tutti i lavoratori rimasti a Wuhan per lavorare ininterrottamente  per garantire la costruzione 24 ore su 24”, ha dichiarato Zhang Chongxi, direttore generale della compagnia stradale e dei ponti di Wuhan Construction.

Sabato, 13 regioni a livello provinciale, tra cui Xinjiang, Qinghai, Gansu, Henan e Shandong, si sono unite ad altre 17 per attivare la risposta di emergenza sanitaria di primo livello alla situazione epidemica, con dipendenti governativi nel settore sanitario che annullano le vacanze del Festival di Primavera.
Sabato il sito turistico della Grande Muraglia di Pechino è stato chiuso temporaneamente. Anche le fiere del tempio e altri raduni su larga scala che celebravano il Festival di Primavera sono stati cancellati. Shanghai Disney Resort è temporaneamente chiuso a causa dell’epidemia. Molti altri luoghi turistici e musei a livello nazionale hanno dovuto.
Le autorità scolastiche  di Pechino hanno dichiarato che gli asili nido, le scuole elementari e medie e le università della città rimanderanno l’apertura del semestre primaverile.

La China Development Bank, una delle principali banche politiche del paese, ha offerto venerdì prestiti per un valore di 2 miliardi di yuan (circa 288,3 milioni di dollari USA) a Wuhan per la prevenzione e il controllo del nuovo coronavirus.
Il ministero delle finanze del Paese giovedì ha stanziato 1 miliardo di yuan per sostenere la battaglia di Hubei contro la malattia. Oltre 2 milioni di maschere e prodotti correlati sono previsti per Wuhan, secondo il Ministero del Commercio.
A partire da sabato, Hubei ha stanziato 1,03 miliardi di yuan per garantire il salvataggio e il trattamento dei pazienti.
All’inizio di domenica 10.000 indumenti protettivi donati in 100 casi sono stati trasportati a Wuhan dalla Cambogia, a Siem Reap.
Molti dei nostri dipendenti si sono offerti di posticipare la vacanza del Festival di Primavera e la fabbrica funziona a pieno regime“, ha dichiarato He Zhenhua, direttore generale di una fabbrica di prodotti protettivi a Wuhan.

Con una mossa senza precedenti il ​​23 gennaio, tutti i trasporti pubblici di Wuhan, inclusi autobus urbani, metropolitane, traghetti e autobus a lunga percorrenza, nonché i canali in uscita negli aeroporti e nelle stazioni ferroviarie, sono stati sospesi per contenere la diffusione del virus. Anche altre città di Hubei come Jingzhou, Huanggang, Ezhou, Xiaogan e Yichang hanno imposto restrizioni di trasporto.
Sono state anche prese misure nelle aree rurali a livello nazionale per prevenire la malattia. Molti cittadini hanno annullato i loro viaggi.

 

Coronavirus: “il video che mostra la tragedia, la verità, l’attuale impotenza”

| EVIDENZA 2, MONDO |