Iran: “vi distruggiamo la portaerei Lincoln con un solo missile”

Views

L’Iran è in grado di distruggere con un solo missile la portaerei statunitense Abraham Lincoln, che ieri ha attraversato il Canale di Suez dopo essere salpata per una missione in Medio Oriente. Lo ha dichiarato l’ayatollah Yousef Tabatabai-Nejad, rappresentante della provincia di Isfahan nell’Assemblea degli esperti della Repubblica islamica. “La loro nave, costata miliardi di dollari, può essere distrutta con un singolo missile”.  

Le tensioni tra i due paesi continuano a crescere dopo la recisione dell’amministrazione del presidente statunitense Donald Trump di ritirarsi dall’accordo sul nucleare iraniano e di reimporre sanzioni nei confronti della Repubblica islamica.

L’improvvisa decisione degli Stati Uniti di impiegare una significativa componente militare in Medio Oriente è scaturita in risposta alle informazioni di intelligence  date a Washington da funzionari israeliani. Gli Stati Uniti hanno annunciato che la USS Abraham Lincoln aveva ricevuto istruzioni per navigare in Medio Oriente. La portaerei sta navigando a fianco di un incrociatore e quattro cacciatorpedinieri, mentre a un numero imprecisato di bombardieri pesanti a lungo raggio B-52 è stato posizionato in una base militare statunitense in Qatar.

Commentando questo sviluppo dell’ultimo minuto, il consigliere della sicurezza nazionale John Bolton ha avvertito l’Iran che avrebbe dovuto affrontare “una forza inesorabile” se avesse minacciato gli interessi americani in Medio Oriente e oltre. Il presidente del Joint Chiefs of Staff, generale Joseph Dunford, ha dichiarato che la mossa mirava a “scoraggiare l’Iran […] in modo che non ci fosse alcuna ambiguità sulla nostra preparazione a rispondere a qualsiasi minaccia contro il nostro popolo o partner nella regione”. Parlando al Congresso, il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti Patrick Shanahan ha detto che la decisione di trasferire una quantità significativa di potenza di fuoco in Medio Oriente è arrivata in risposta all’intelligence che mostrava che l’Iran aveva “fatto piani per colpire le forze Usa in Iraq e altrove nel Medioriente”. Secondo l’ABC News, l’intelligence ha suggerito che “l’Iran o i suoi paesi fiancheggiatori  stavano pianificando attacchi contro le forze statunitensi in Iraq, in Siria e in mare”. Ma non sono state fornite ulteriori informazioni sulla natura precisa dei presunti avvertimenti.

Nel frattempo, il sito americano di notizie e informazioni Axios ha scritto che l’intelligence che generato  la risposta di Washington è stata data agli Stati Uniti da funzionari israeliani. Citando “alti funzionari israeliani”, il sito web afferma che le informazioni fornite agli Stati Uniti erano state raccolte “principalmente dal Mossad”, la principale agenzia di intelligence esterna israeliana. Ha aggiunto che l’informazione sui possibili attacchi iraniani contro gli Stati Uniti o i suoi alleati in Medio Oriente è stata “sollevata due settimane fa” durante i colloqui  a porte chiuse alla Casa Bianca tra una delegazione americana guidata da Bolton e una delegazione israeliana guidata dalla controparte, Meir Ben Shabbat. L’intelligence, ha affermato Axios, ha relazionato che gli Stati Uniti o i loro alleati, inclusi gli Emirati Arabi Uniti o l’Arabia Saudita, sarebbero stati presi di mira dall’Iran.

 

Iran: “vi distruggiamo la portaerei Lincoln con un solo missile”

EVIDENZA 1, INTELLIGENCE |