Nord Corea, anche Russia contrabbanda petrolio con il regime

Views

Le petroliere russe hanno fornito carburante alla Corea del Nord in almeno tre occasioni negli ultimi mesi, trasferendo merci in mare, secondo due importanti fonti di sicurezza dell’Europa occidentale, fornendo una linea di vita economica allo stato comunista.
Le vendite di prodotti petroliferi dalla Russia, il secondo più grande esportatore di petrolio al mondo e membro del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che detiene il veto, violano le sanzioni U.N., hanno riferito fonti della sicurezza.
I trasferimenti di ottobre e novembre indicano che il contrabbando dalla Russia alla Corea del Nord si è evoluto fino a scaricare carichi in mare da quando Reuters ha riferito a settembre che le navi della Corea del Nord navigavano direttamente dalla Russia verso la loro terra d’origine.
“Le navi russe hanno effettuato trasferimenti nave-nave di prodotti petrolchimici verso navi della Corea del Nord in diverse occasioni quest’anno in violazione delle sanzioni”, ha detto a Reuters la prima fonte di sicurezza, che ha parlato in condizioni di anonimato.
Una seconda fonte, che ha confermato in modo indipendente l’esistenza del commercio russo di combustibile nave-nave con la Corea del Nord, ha affermato che non vi sono prove di coinvolgimento dello stato russo negli ultimi trasferimenti.
“Non ci sono prove che questo sia sostenuto dallo stato russo ma queste navi russe stanno dando un’ancora di salvezza ai nordcoreani”, ha detto la seconda fonte.
Le due fonti di sicurezza hanno citato l’intelligence navale e le immagini satellitari delle navi che operano dai porti dell’Estremo Oriente russo sul Pacifico, ma hanno rifiutato di rivelare ulteriori dettagli a Reuters, dicendo che il materiale e’ classificato.
Il ministero degli Esteri russo e il Servizio doganale russo hanno rifiutato di commentare quando gli è stato chiesto mercoledì se le navi russe avevano fornito carburante alle navi della Corea del Nord. Il proprietario di una nave accusata di contrabbando di petrolio in Corea del Nord ha negato qualsiasi attività del genere.
L’ultimo rapporto è arrivato mentre la Cina, rispondendo venerdì alle critiche del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, ha negato di aver spedito illecitamente prodotti petroliferi alla Corea del Nord.
La Corea del Nord fa affidamento sul carburante importato per mantenere la sua economia in difficoltà. Richiede anche petrolio per le attività missilistiche.

Dati di posizionamento satellitare della nave consultati da Reuters e disponibili su Reuters Eikon mostrano movimenti inusuali da parte di alcune delle navi russe nominate dalle fonti di sicurezza tra cui lo spegnimento dei transponder che danno una posizione precisa.
Le fonti della sicurezza hanno riferito che la petroliera con bandiera russa Vityaz era una nave che aveva trasferito carburante alle navi della Corea del Nord.

Il Vityaz ha lasciato il porto di Slavyanka vicino a Vladivostok in Russia il 15 ottobre con 1.600 tonnellate di petrolio, secondo i documenti di controllo dei porti russi.
I documenti presentati dall’agente della nave all’autorità di controllo portuale dello Stato russo indicavano la sua destinazione come flotta peschereccia nel Mar del Giappone. I dati di spedizione hanno mostrato che la nave ha spento il suo transponder per alcuni giorni mentre navigava in acque aperte.
Secondo le fonti di sicurezza europee, il Vityaz ha condotto un trasferimento nave-nave con la nave cisterna Sam Ma 2 della Corea del Nord in mare aperto nel mese di ottobre.
Reuters non ha potuto verificare in modo indipendente il trasferimento poiché i dati di tracciamento della nave hanno mostrato che Sam Ma 2 aveva disattivato il suo transponder dall’inizio di agosto.
Il proprietario della nave russa ha negato qualsiasi contatto con navi della Corea del Nord, ma ha anche detto che non era a conoscenza del fatto che la nave stava alimentando le barche da pesca.
Yaroslav Guk, vicedirettore del proprietario della nave cisterna, Alisa Ltd, con sede a Vladivostok, ha detto che la nave non ha contatti con le navi della Corea del Nord.
“Assolutamente no, questo è molto pericoloso”, ha detto Guk a Reuters per telefono. “Sarebbe una pazzia completa.”
Una volta contattato, Guk ha detto che la nave non ha avuto contatti con navi della Corea del Nord e che non avrebbe risposto a ulteriori domande.
Un funzionario della East Coast Ltd, l’agente di trasporto della nave, ha rifiutato di commentare.
Altre due petroliere russe hanno effettuato viaggi simili tra la metà di ottobre e novembre, partendo dai porti di Slavyanka e Nakhodka in mare aperto, dove hanno spento i loro transponder, hanno mostrato i dati di spedizione.
A settembre, Reuters ha riferito che almeno otto navi nordcoreane che hanno lasciato la Russia carichi di carburante quest’anno si sono dirette verso la loro terra d’origine, nonostante dichiarino altre destinazioni, uno stratagemma che i funzionari statunitensi sostengono sia spesso usato per minare le sanzioni.
Una fonte di spedizioni russa con conoscenza delle pratiche marine dell’Estremo Oriente ha detto che le navi della Corea del Nord hanno smesso di caricare carburante nei porti dell’Estremo Oriente della Russia, ma che il carburante è trasportato in mare da petroliere che effettuano trasferimenti da nave a nave o addirittura da pescherecci.
La Cina venerdì ha smentito di aver venduto illecitamente prodotti petroliferi alla Corea del Nord, dopo che Trump ha dichiarato di non essere contento che la Cina abbia permesso al petrolio di raggiungere la nazione isolata.
Gli Stati Uniti hanno proposto che la lista nera del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite contenga le 10 navi per il trasporto di articoli vietati dalla Corea del Nord, secondo i documenti visti da Reuters questo mese.
Le navi sono accusate di “condurre trasferimenti illegali nave-nave di prodotti petroliferi raffinati verso navi della Corea del Nord o di trasportare illegalmente carbone nordcoreano ad altri paesi per le esportazioni”, hanno detto gli Stati Uniti nella proposta all’Onu.

Nord Corea, anche Russia contrabbanda petrolio con il regime