Usa e Nord Corea, tensione alta: la mediazione russa e l’emergenza umanitaria denunciata dalla Cina

Views

Gli Stati Uniti hanno annunciato ripercussioni per i due funzionari nordcoreani che lavorano dietro il programma missilistico balistico del loro paese martedì, mentre la Russia ha ribadito l’offerta di mediare per allentare le tensioni tra Washington e Pyongyang.
I nuovi passi degli Stati Uniti sono stati l’ultimo di una campagna volta a costringere la Corea del Nord – che ha sfidato negli anni delle sanzioni multilaterali e bilaterali – ad abbandonare un programma di armamenti finalizzato allo sviluppo di missili a testata nucleare in grado di colpire gli Stati Uniti.
Il Tesoro degli Stati Uniti ha indicato quali sospettato i funzionari Kim Jong Sik e Ri Pyong Chol. Si dice che Kim Jong Sik sia stata una figura chiave negli sforzi della Corea del Nord per passare il suo programma missilistico da combustibile liquido a solido, mentre Ri è stato segnalato come un funzionario chiave nel suo sviluppo di missili balistici intercontinentali (ICBM).
“Il Tesoro sta prendendo di mira i leader dei programmi di missili balistici della Corea del Nord, come parte della nostra campagna di massima pressione per isolare (Corea del Nord) e raggiungere una penisola coreana completamente denuclearizzata”, ha affermato il segretario del Tesoro Steven Mnuchin.
La mossa ha seguito le nuove sanzioni delle Nazioni Unite annunciate lo scorso venerdì in risposta al test del 29 marzo della Corea del Nord di un ICBM e a quello che ha minacciato Pyongyang, ovvero di mettere tutti gli Stati Uniti continentali entro la portata delle sue armi nucleari. Tali sanzioni miravano a limitare ulteriormente l’accesso della Corea del Nord ai prodotti petroliferi raffinati e al petrolio greggio e ai suoi guadagni dai lavoratori all’estero.
La Corea del Nord ha dichiarato che gli Stati Uniti hanno dichiarato un atto di guerra favorendo il completo blocco economico del Paese.
La situazione di stallo tra Stati Uniti e Corea del Nord ha sollevato il timore di un nuovo conflitto nella penisola coreana, che è rimasta in uno stato tecnico di guerra da quando la guerra coreana del 1950-53 ha concluso in un armistizio non un trattato di pace.
Washington ha detto che tutte le opzioni, comprese quelle militari, sono sul tavolo nel trattare con la Corea del Nord.

Oggi il Cremlino, che da tempo invita le due parti a negoziare, ha dichiarato di essere pronto a fungere da mediatore se gli Stati Uniti e la Corea del Nord fossero disposti a farlo.
“La disponibilità della Russia a spianare la strada all’allentamento della tensione è ovvia”, ha detto ai giornalisti il ​​portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.
Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti e la Casa Bianca non hanno immediatamente risposto sull’offerta di Mosca.
Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, che ha presentato un’offerta simile lunedì, ha detto oggi al segretario di Stato Rex Tillerson in una telefonata che “la retorica aggressiva di Washington” e il rafforzamento della sua presenza militare nella regione hanno accentuato le tensioni ed è inaccettabile, per la distensione.
Lavrov ha sottolineato la necessità di fare qualche mossa di distensione “la mossa più veloce per il processo negoziale e’ attenuare il linguaggio sulle sanzioni”.
Washington ha sottolineato la necessità che tutti i paesi, in particolare la Russia e la Cina, principale partner commerciale della Corea del Nord, attuino pienamente le sanzioni, anche tagliando le forniture di petrolio.
Secondo i dati doganali cinesi, la Cina non ha esportato prodotti petroliferi verso la Corea del Nord a novembre, apparentemente andando oltre le sanzioni U.N. imposte all’inizio di quest’anno.
Pechino ha anche importato minerali di ferro nordcoreano, carbone e piombo a novembre, il secondo mese completo di tali sanzioni commerciali.
Pechino non ha rivelato le sue esportazioni di greggio in Corea del Nord per diversi anni, ma fonti del settore dicono che fornisce ancora circa 520.000 tonnellate, o 3,8 milioni di barili, all’anno al paese attraverso un oleodotto oramai vecchio e insicuro.
La Corea del Nord trae anche parte del suo petrolio dalla Russia.
Il commercio tra la Corea del Nord e la Cina è rallentato nel corso dell’anno, in particolare dopo che la Cina ha vietato gli acquisti di carbone a febbraio.
Anche le esportazioni cinesi di mais verso la Corea del Nord a novembre sono crollate, con un calo dell’82% rispetto all’anno precedente a 100 tonnellate, il più basso da gennaio. Le esportazioni di riso sono scese del 64% a 672 tonnellate, il più basso da marzo.
La Cina ha espresso preoccupazione per gli effetti umanitari delle sanzioni e ha ripetutamente chiesto sforzi costruttivi per alleviare le tensioni.

Usa e Nord Corea, tensione alta: la mediazione russa e l’emergenza umanitaria denunciata dalla Cina

| MONDO, PRP Channel |