F-35: Usa bloccano consegna manuali e parti di ricambio alla Turchia

Views

Funzionari degli Stati Uniti hanno comunicato ufficialmente di aver  interrotto la fornitura di parti di aerei da caccia F-35 alla Turchia a causa della  decisione di Ankara di andare avanti con l’acquisto del sistema missilistico terra-aria russo (S-400).

Verrà, quindi, bloccata la consegna di parti e di manuali necessari per preparare la consegna pianificata dell’aeromobile, durante quest’estate.

La decisione degli Stati Uniti arriva pochi giorni dopo che il ministro degli esteri turco ha dichiarato che il suo paese continuava nell’acquisto del sistema russo e  che stava già discutendo sulle  date della consegna.

Durante un’audizione a Capitol Hill il mese scorso, il generale americano Curtis Scaparrotti, il principale generale della NATO, ha detto che il suo consiglio sarebbe che gli Stati Uniti non collaborino con un alleato che sta acquisendo sistemi russi che possono minacciare una delle capacità più avanzate dell’esercito americano. I funzionari hanno anche espresso preoccupazione per il fatto che l’acquisizione da parte della Turchia di sistemi statunitensi e russi possa consentire a Mosca l’accesso a sofisticate tecnologie americane per rilevare e contrastare l’F-35.

Gli Stati Uniti hanno accettato di vendere 100 dei suoi ultimi caccia F-35 di quinta generazione alla  Turchia, programmando di consegnare i primi due velivoli in Turchia a giugno di quest’anno.

Gli stesso funzionari americani  hanno detto che sebbene Washington continui a parlare con la Turchia della questione, il Pentagono ha già iniziato a prendere le misure necessarie per trovare altre fonti di approvvigionamento per le parti prodotte dalla Turchia dell’F-35. Il dipartimento, ha affermato un funzionario, sta adottando alcune misure per proteggere la catena di approvvigionamento e gli investimenti condivisi nella tecnologia aeronautica.

I leader del Pentagono hanno avvertito che porre fine alla partecipazione della Turchia alla produzione avrebbe probabilmente costretto altri alleati ad assumere quel ruolo e potrebbe ritardare la consegna degli aerei. In molti stimano almeno in tre mesi di ritardo.

I leader degli Stati Uniti hanno offerto alla Turchia di comprare una batteria di difesa aerea prodotta in America, e nel mese di dicembre il Dipartimento di Stato ha approvato la vendita del sistema Patriot statunitense da 3,5 miliardi di dollari ad Ankara. Un prezzo ridotto la cui offerta scadeva a fine marzo.

Il ministro degli Esteri turco, alla scadenza dell’offerta americana, ha detto che il suo paese è impegnato ad acquistare il sistema di difesa missilistica russo.

Intervenendo a una conferenza stampa congiunta con il suo omologo russo, Sergey Lavrov, nella città costiera mediterranea di Antalya, il ministro degli esteri Mevlut Cavusoglu ha escluso la possibilità che la Turchia venda gli S-400 in un altro paese come suggerito da alcuni analisti come soluzione di compromesso con i russi.

“In linea di principio, afferma il ministro degli esteri turco, è contrario alle leggi internazionali che un paese terzo si opponga  ad un accordo tra due paesi. Ci impegniamo a rispettare questo accordo, non ci può essere la vendita in un paese terzo e noi li acquistiamo solo per le nostre esigenze difensive”.

Cavusoglu ha anche insistito sul fatto che la Turchia avrebbe soddisfatto tutti i suoi obblighi relativi al programma F-35.

 

F-35: Usa bloccano consegna manuali e parti di ricambio alla Turchia

ATTUALITA', EVIDENZA 4 |