I talebani scambiano litio con petrolio russo. Kabul tratta con Cina, Iran e  Pakistan e rivuole i 7 miliardi custoditi  nella Federal Reserve Bank di New York

Views

I talebani afghani sarebbero in trattative con la Russia per importare 1 milione di tonnellate di prodotti petroliferi, dando in cambio materie prime per medicinali e risorse minerarie.

Una delegazione talebana è attualmente a Mosca per incontri con funzionari russi e imprese private per rafforzare i legami commerciali ed incoraggiare gli investimenti nella nazione dell’Asia meridionale.

Funzionari russi hanno affermato che la delegazione di Kabul starebbe anche discutendo sull’importazione di altri prodotti essenziali, tra cui grano e girasole.

Il ministro talebano dell’Industria e del Commercio Nuriddin Azizi, secondo i media russi, avrebbe detto che il suo Paese ha bisogno di oltre 4 milioni di tonnellate di petrolio che già in parte importa da paesi vicini.

Azizi ha detto a RIA Novosti: “Dato che la Russia è un paese amico per noi, siamo venuti qui per raggiungere un accordo sull’importazione di petrolio russo e altri prodotti petroliferi. Abbiamo in programma di importare circa un milione di tonnellate di benzina e gasolio”.

Il mese scorso i talebani hanno siglato un accordo con il vicino Iran per l’acquisto di 350.000 tonnellate di petrolio. Il ministro ha detto che il suo governo vorrebbe concludere l’accordo il prima possibile.

Azizi ha anche affermato che gli Stati Uniti e l’Unione Europea non hanno imposto sanzioni all’Afghanistan in termini di importazione di materie prime. “L’Afghanistan può pagare questi beni con i soldi”.

Alla domanda se il suo governo consentirebbe investimenti russi nei giacimenti minerari dell’Afghanistan, incluso il litio, Azizi ha affermato che i talebani “possono fornire alla Russia alcuni dei nostri minerali in cambio di importazioni” di risorse energetiche. “Abbiamo un litio molto buono e di alta qualità.”

Il ministro talebano ha anche affermato che Kabul sta già fornendo materie prime alle fabbriche in Cina e può fornire le stesse materie prime anche alla Russia.

La Cina, insieme a Russia, Turchia, il vicino Pakistan, Iran, Uzbekistan e altri paesi dell’Asia centrale, ha mantenuto la sua ambasciata aperta dopo la presa del potere da parte dei talebani. Le nazioni occidentali, invece, hanno trasferito le loro missioni diplomatiche in Qatar.

Il governo cinese ha fornito aiuti umanitari urgenti e ha cercato di aiutare il governo afghano a corto di liquidità a far fronte agli sconvolgimenti economici. Ha anche esortato Washington a rilasciare circa 7 miliardi di dollari in riserve estere afghane congelate, che la banca centrale di Kabul ha depositato presso la Federal Reserve Bank di New York, appena i talebani avevano conquistato il potere.

L’amministrazione Biden afferma che sta lavorando su come mettere metà dei fondi a disposizione del popolo afghano, ma questo sforzo sembra aver subito una battuta d’arresto dopo la scoperta che il leader di al-Qaeda si era rifugiato a Kabul.

Lunedì il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price ha affermato che l’Amministrazione sta cercando modi alternativi per indirizzare il denaro per aiutare gli afgani alle prese di una profonda crisi alimentare.

Stiamo esaminando i meccanismi che potrebbero essere messi in atto per fare in modo che questi 3,5 miliardi di dollari in beni preservati arrivino in modo efficiente ed efficace al popolo afghano e che non vengano distolti a favore di gruppi terroristici o altrove”, ha detto Price. Il resto dei 7 miliardi di dollari è stato accantonato per risolvere le cause pendenti negli Stati Uniti.

L’inviato speciale della Cina per gli affari afgani, Yue Xiaoyong, durante una visita questa settimana nel paese vicino colpito da disordini, ha osservato che “la stabilità sta guadagnando terreno” in Afghanistan. Giovedì ha detto alle emittenti ufficiali cinesi della CGTN che era “necessario” impegnarsi con i talebani e accelerare la “cooperazione pratica” con l’Afghanistan.

Qualsiasi vero aiuto per il popolo afghano difficilmente può essere concretizzato se si aggira l’autorità afghana”, ha sottolineato Yue nei commenti alla CGTN.

Le restrizioni dei talebani ai diritti delle donne al lavoro, all’istruzione e alla partecipazione politica hanno impedito alla comunità internazionale di riconoscere il loro governo e di trattare direttamente con loro.

Sebbene molti abbiano prestato grande attenzione alla struttura del governo inclusivo, ai diritti delle donne e all’istruzione delle ragazze delle scuole medie in Afghanistan, è importante sapere che affrontare questi problemi non è incompatibile con la ricostruzione economica“, ha affermato l’inviata cinese.

La Cina ha anche annunciato di recente che non applicherà dazi sul 98% delle merci importate dall’Afghanistan nel tentativo di rafforzare i legami commerciali bilaterali e aiutare i talebani a far ripartire l’economia del paese colpita dalle sanzioni.

Abbiamo anche importato prodotti esclusivi come pinoli, zafferano, mandorle, fichi e uvetta e abbiamo attuato la nostra promessa di un miliardo di yuan di aiuti (147 milioni di dollari) per scopi umanitari e di sviluppo per alleviare le difficoltà del popolo afgano”, ha affermato Yue .

Yue ha ribadito l’appello di Pechino affinché i talebani mantengano la loro promessa di contrastare il terrorismo adottando “misure visibili, tangibili e verificabili”.

L’impegno cinese con i governanti islamici mira principalmente a incoraggiarli a impedire ai membri fuggitivi del movimento islamico del Turkistan orientale fuorilegge di utilizzare il suolo afghano per attacchi contro la Cina. Gli insorti affermano di lottare per i diritti dei musulmani uiguri nella provincia occidentale dello Xinjiang, che confina con l’Afghanistan.

Il vicino Pakistan ha anche aumentato notevolmente le importazioni di carbone dall’Afghanistan e dai paesi dell’Asia centrale attraverso il territorio afghano, il che aiuta i talebani a generare nuove entrate necessarie per governare il paese.

Il Pakistan ha importato il 70% del suo carbone termico dal Sud Africa per far funzionare le sue centrali di cemento, acciaio e centrali elettriche costruite in Cina, ma Islamabad sta attualmente affrontando una crisi dei pagamenti a causa dell’aumento dei prezzi internazionali e della diminuzione delle riserve di contanti esteri.

Ciò ha spinto le autorità pakistane ad aumentare le importazioni di carbone dall’Afghanistan. Funzionari in Pakistan affermano che il carbone afgano è relativamente economico – circa il 40% del valore del mercato internazionale – e richiede meno tempo per l’acquisizione.

I talebani scambiano litio con petrolio russo. Kabul tratta con Cina, Iran e Pakistan e rivuole i 7 miliardi custoditi nella Federal Reserve Bank di New York

| EVIDENZA 1, MONDO |