Libia, storie di schiavi alla luce del giorno. Indifferenza occidentale

Views

L’Unione europea sta collaborando con le guardie costiere libiche per ridurre il numero di migranti che attraversano il Mar Mediterraneo. Ma molti di quelli intercettati finiscono nei centri di detenzione in Libia, dove alcuni migranti dicono di essere usati come schiavi, come ha scoperto Stephanie Hegarty della BBC quando ha parlato con alcuni nigeriani che sono appena tornati a casa.

Mentre cala la sera a Benin City, al di fuori dell’ammuffito blocco degli anni ’60 di uno dei tanti hotel della città, un gruppo di uomini e donne è seduto su una serie di sedie di plastica, sotto un cartello pubblicitario “cocktail esotici” e “night groovy”.

Ma non sono qui per bere o ballare, stanno per iniziare il duro lavoro per ricostruire le loro vite.

Sono venuti dalla Libia, dove la maggior parte di loro è stata detenuta nei centri di detenzione dalle autorità libiche. E sono tornati con racconti di orribili abusi, tra cui essere affittati o venduti come schiavi.’Ci hanno dato ai loro amici’

Agen Akhere ha una faccia da neonato, ma i suoi piccoli occhi stanno bruciando di rosso. Sta tirando su col naso mentre parla e sembra pianga.

È stato trattenuto per due mesi in un centro di detenzione in un posto chiamato Gharyan. È stato registrato dall’agenzia di migrazione delle Nazioni Unite (IOM), rilasciato dal centro di detenzione e portato a casa – ma il suo amico non ce l’ha fatta. “È a causa dei soldi,” disse, implorando e allungando il collo per avvicinarsi al microfono. “Amico mio, è ancora lì, si chiama Sansone, è ancora lì, a Gharyan. “Gharyan è una prigione sulle montagne a circa 100 km a sud di Tripoli. Ed è un posto in cui tutti i migranti con cui abbiamo parlato sono stati presi prima che arrivassero a casa. Ancora e ancora raccontano la stessa storia, di detenuti orribilmente abusati dalle guardie carcerarie, affamati, picchiati, violentati e scambiati come schiavi. “Vengono nelle nostre roulotte [celle], scelgono sei persone per fare i loro lavori sporchi per fare agricoltura, lavori di posa dei mattoni”, dice Lucky Akhanene. È tornato nello stesso gruppo del signor Akhere e si è tenuto a Gharyan per quattro mesi.

“Ci mandano fuori con i loro amici, non ci pagano, è solo un duro lavoro, se non sei veloce con il tuo lavoro sei sconfitto.”

Tre persone sentite separatamente hanno parlato di essere affittate dalla prigione per il lavoro giornaliero, altri hanno detto che sono stati venduti.

Jackson Uwumarogie e Felix Efe furono arrestati “in cima al mare”, al largo della costa della Libia e portati a Gharyan.

Hanno detto che una notte è arrivata una guardia carceraria e ha contato 20 uomini, li ha portati fuori e li ha bendati.

Il signor Uwumarogie ha sentito gli uomini parlare di un prezzo: 1.000 dinari ($ 735, £ 550). Sono stati messi in un furgone e portati in una fattoria.

Uwumarogie e Efe sono stati costretti a lavorare a raccogliere le cipolle e ad alimentare il bestiame. Dormivano in una capanna di compensato e venivano sorvegliati giorno e notte da uomini armati.

Non sono mai stati pagati.

I pantaloni larghi della tuta di Mr Uwumarogie pendono dalla sua vita sottile e un collo di lana attillato sottolinea la sua corporatura magra e le guance leggermente gonfie.

Chiaramente non sta bene. Alla fattoria veniva dato del cibo solo ogni pochi giorni, disse, e a volte, per dissetarsi beveva acqua di mare.

Dopo sei mesi, loro e altri cinque furono caricati su un pick-up e portati nel deserto.

“Ci hanno scaricati lì”, ha detto Uwumarogie.

“È stato con l’aiuto di Dio che abbiamo trovato l’uomo che ci ha salvati”. L’uomo li ha portati a casa sua e poi li ha portati a Tripoli per incontrare l’IOM.

Storie di schiavitù nera in Libia circolano da due anni. Ma il numero di testimoni che abbiamo sentito da recenti rimpatriati sembra suggerire che è diventato endemico nel sistema di detenzione.

Ed è legato a qualcosa che è andato avanti da molto più tempo: un’industria oscura ma fiorente in cui i migranti vengono venduti  per denaro da trafficanti e guardie carcerarie.

Polsi legati con filo spinato

“C’era un uomo di collegamento che di solito ha una connessione con il Mudeen, che è il direttore della prigione: li chiamerebbe e li farebbe uscire di prigione”, ha detto Mac Agheyere.

È partito per l’Europa nel 2015 ed è stato arrestato e portato in prigione nella città libica di Zawiya.

“Non ho avuto nessuno per salvarmi.”

Ha spiegato che l’intermediario addebiterà fino a 250.000 naira ($ 695, £ 520) a persona.

Il signor Aghayere ha preso in prestito denaro dalla sua famiglia in Nigeria per pagare la sua liberazione, ma è stato nuovamente arrestato. Questa volta non poteva permettersi di pagare, ma un giorno arrivò un uomo che lo pagò per lui.

“Pensavo che fosse il mio Messia”, ha detto Aghayere. “Non ho mai saputo che era una persona malvagia”.

L’uomo possedeva un autolavaggio e alcune capanne sulla spiaggia vicino al mare. Ha detto che il signor Aghayere avrebbe dovuto  lavorare per un mese per rimborsare i soldi del rilascio.

Dopo di ciò, hanno concordato un salario. Ma due mesi dopo si è rifiutato di pagare. Passò un altro mese e si rifiutò di lavorare ancora.

“Mi ha picchiato  con una sbarra di ferro”. “Hanno preso il filo spinato e mi hanno legato le mani e i piedi e mi hanno buttato dentro una macchina e mi hanno riportato in prigione”.

Aghayere è stato informato che era stato rimandato in Nigeria, ma è stato trasferito nel carcere di Gharyan e lì ha trascorso sette mesi prima di essere rimpatriato dall’IOM. Ha detto che quando è stato lì ha visto morire 20 persone.

Ognuno dei migranti nigeriani che abbiamo incontrato, separatamente, ci ha detto che avevano ricevuto pochissimo cibo – un pezzo di pane più piccolo del palmo della mano al mattino e pasta acquosa la sera. Alcuni hanno detto di aver bevuto acqua dalla toilette. Erano regolarmente raccolti e picchiati.

“Hanno picchiato i ragazzi”, ha detto Fatima Atewe. Era una delle sole donne che ha accettato di parlarci di quello che è successo a Gharyan.

“Persino in prigione in Nigeria, non picchiano la popolazione nigeriana come hanno percosso i nigeriani lì”.

“Molte persone muoiono giorno e notte.

Ha trascorso poco più di 10 giorni a Gharyan prima di essere rimpatriata. Era stata arrestata con un amico e dopo tre giorni di prigione ha detto che la sua amica è stata venduta.

L’agenzia per le migrazioni delle Nazioni Unite, insieme a vari governi africani, stanno lavorando per portare a casa i migranti. Ma i delegati di ogni paese devono arrivare nei centri di detenzione prima che possano identificare i loro cittadini.

La Libia è nel mezzo di una guerra civile. Con molti gruppi di miliziani in lotta per il potere, viaggiare oltre Tripoli è pericoloso.

Perché la Libia è così senza legge?

Il carcere di Gharyan è gestito dal Ministero dell’Interno della Libia, a sua volta gestito da due gruppi di miliziani.

Il Ministero degli Interni è nominalmente solo sotto il governo riconosciuto dalle Nazioni Unite a Tripoli. Fino ad ora, il Ministero degli Interni libico non ha risposto alle richieste di un colloquio.

Negli ultimi mesi, la situazione è diventata sempre più priva di leggi, ma anche in aumento è il numero di migranti detenuti in queste prigioni.

L’UE sta incoraggiando la Libia a impedire ai migranti di attraversare il Mediterraneo. Ha addestrato la guardia costiera libica per intercettare le barche che lasciano le acque libiche.

Gli arrivi in ​​Italia sono diminuiti del 70%. Ma molti dei migranti che vengono fermati finiscono nei centri di detenzione come Gharyan.

L’organizzazione medica Medecins Sans Frontieres afferma che il numero di migranti nei centri di detenzione libici a cui ha accesso è aumentato di dieci volte da luglio, quando queste politiche hanno avuto inizio.

Il capo dei diritti umani delle Nazioni Unite Zeid Ra’ad Hussein ha descritto la politica come “disumana”.

Man mano che sempre più migranti si accumulano in questi centri, le condizioni peggioreranno sempre più. Le storie di abusi continueranno ad arrivare. Quelli che tornano voglio solo dire che la Libia non è un posto dove andare.

Libia, storie di schiavi alla luce del giorno. Indifferenza occidentale

MONDO, PRP Channel |