Pechino mette al bando hardware e software occidentali. Entro il 2022 solo prodotti cinesi

Views

Pechino ha ordinato a tutti gli uffici governativi e agli enti pubblici di rimuovere apparecchiature e software stranieri entro tre anni. Un colpo mortale per  HP, Dell e Microsoft. La direttiva governativa impone agli acquirenti cinesi di passare ai fornitori di tecnologia domestica. La notizia fa eco all’annuncio di Trump di frenare l’uso della tecnologia cinese negli Stati Uniti e nei Paesi alleati.

Washington quest’anno ha vietato alle aziende statunitensi di fare affari con il produttore cinese di apparecchiature per telecomunicazioni Huawei e sta cercando modi per indirizzare gli investimenti Usa verso prodotti europei. Gli Stati Uniti hanno recentemente proposto che le vendite di tecnologia negli Stati Uniti da parte di  “avversari stranieri” sarebbero state esaminate per motivi di sicurezza nazionale. Ha anche esercitato pressioni sugli alleati europei per distogliere le attenzioni sui progetti della tecnologia 5G di Huawei.

Gli analisti di China Securities stimano che i componenti hardware da  sostituire sono circa 20-30 milioni. Hanno, anche, aggiunto che le sostituzioni avverrebbero ad un ritmo del 30% nel 2020, del 50% nel 2021 e del 20% l’anno successivo. Gli analisti hanno riferito che l’ordine è arrivato direttamente dall’ufficio centrale del Partito comunista cinese all’inizio del 2019. I documenti sulla politica dell’ufficio centrale sono riservati, ma i dipendenti di due società di sicurezza informatica hanno dichiarato al Financial Times che i loro clienti governativi hanno confermato la nuova direttiva del governo cinese. La nuova politica informatica  fa parte di una più ampia strategia per le agenzie governative cinesi e gli operatori di infrastrutture critiche a utilizzare una  tecnologia “sicura e controllabile”, come sancito dalla legge sulla sicurezza informatica del paese, approvata nel 2017. Ma a differenza delle precedenti spinte per l’autosufficienza tecnologica , questo progetto ha ricevuto ulteriore impulso dalle recenti sanzioni statunitensi, ha affermato Paul Triolo della società di consulenza Eurasia Group. “Il programma informatico della Cina è solo la punta della nuova lancia”, ha dichiarato Triolo. “L’obiettivo è chiaro: arrivare in un’area  libera ed esente da sanzioni. Per evitare i problemi che stanno avendo  ZTE, Huawei, Megvii e Sugon.  Gli analisti di Jefferies stimano che i gruppi tecnologici statunitensi generino fino a $ 150 miliardi all’anno di entrate dalla Cina, sebbene gran parte di ciò provenga dal settore privato. Il ritmo fissato da Pechino per la sostituzione è ambizioso, anche se gli uffici governativi tendono già a utilizzare i computer desktop realizzati dal marchio cinese Lenovo, che ha acquisito la divisione personal computer di IBM nel 2005. Gli analisti affermano che sarà difficile sostituire il software con alternative nazionali, dal momento che la maggior parte dei produttori di software sviluppa prodotti per i sistemi operativi più diffusi negli Stati Uniti, come Windows di Microsoft e macOS di Apple. I sistemi operativi cinesi fatti in casa, come Kylin OS, hanno un ecosistema molto più piccolo di sviluppatori che producono software compatibile. Anche la definizione di “produzione nazionale” è complessa. Sebbene Lenovo monti molti prodotti in Cina, i suoi chip per processori per computer sono realizzati da Intel e i suoi dischi rigidi da Samsung.

Pechino mette al bando hardware e software occidentali. Entro il 2022 solo prodotti cinesi