Ruhollah Zam, tradito da una donna spia iraniana

Views

Il governo iraniano potrebbe aver usato un’ufficiale dell’intelligence femminile per attirare un dissidente iraniano leader dalla sua casa in Francia in Iraq, dove è stato poi rapito dalle forze di sicurezza iraniane e trasportato segretamente in Iran.

Le autorità iraniane hanno dato la notizia dell’arresto di Ruhollah Zam lo scorso 15 ottobre notizia confermata anche dalle immagini trasmesse dalla televisione di stato iraniana che ha trasmesso un video che mostrava Zam bendato circondato da ufficiali dell’Islamic Revolutionary Guard Corps (IRGC).

Zam, 46 anni, è stato la voce di dissenso online di spicco durante il Green Movement del 2009, una campagna di riforma iraniana a base giovanile i cui leader hanno chiesto il rovesciamento del governo di Teheran. Si è unito ad altri giovani iraniani nel lancio di AmadNews, un sito Web il cui scopo dichiarato era “diffondere consapevolezza e cercare giustizia” in Iran. Poco dopo la sua comparsa, AmadNews è diventata la voce online del Green Movement. Dopo un breve periodo di detenzione nel 2009, Zam è fuggito dall’Iran e si è stabilito in Francia, da dove ha continuato il suo lavoro online attraverso AmadNews e un sito Web e un canale di Telegram chiamato Seda-ye Mardom (Voice of the People).

All’inizio di questo mese, il governo iraniano ha annunciato che Zam era stato catturato in una “complicata operazione di intelligence” che utilizzava “moderni metodi di intelligence e tattiche innovative” per attirare Zam fuori dalla Francia e nelle mani dell’IRGC senza fornire informazioni sul metodo utilizzato per convincere Zam a spostarsi dalla Francia e recarsi in Iraq, il cui governo è strettamente allineato con quello dell’Iran. Alcuni giorni fa, tuttavia, il quotidiano londinese The Times ha rivelato che l’IRGC ha usato una donna per guadagnare la fiducia di Zam e attirarlo in Iraq.

Citando attivisti iraniani in esilio che lavorano a stretto contatto con Zam, il quotidiano britannico ha affermato che la donna è entrata nella sua vita quasi due anni fa, indicando così una lunga operazione di intelligence da parte dell’IRGC. Nel tempo, ha conquistato la sua fiducia e alla fine lo ha convinto a viaggiare in Giordania l’11 ottobre e da lì a Baghdad, in Iraq, il 12 ottobre. Il motivo del suo viaggio è stato che, presumibilmente, la donna lo ha convinto che Ali al-Sistani , uno dei più importanti religiosi sciiti in Iraq, aveva accettato di finanziare le attività online di Zam. Tuttavia, il chierico doveva parlare di persona con il dissidente in esilio prima di accettare di finanziare il suo lavoro, secondo la donna. Non è noto se Zam e la donna senza nome fossero coinvolti romanticamente.

Secondo quanto riportato dal Times, il rapimento e l’arresto di Zam sono stati accolti con “la tacita approvazione” dei servizi di intelligence francesi che potrebbero aver concordato la liberazione di due accademisti francesi imprigionati in Iran per presunte attività di spionaggio da oltre un anno.

Ruhollah Zam, tradito da una donna spia iraniana

EVIDENZA 1, INTELLIGENCE |