Tillerson, “pronti a fare in modo che l’India disponga di una maggiore capacità militare 

Views
   

Le proposte avanzate da Washington a Nuova Delhi nel settore della difesa hanno la potenzialità di cambiare la cooperazione commerciale e militare tra i due paesi. Lo ha detto il segretario di Stato Usa, Rex Tillerson, che ha tenuto al Center for Strategic and International Studies (Csis) di Washington il suo primo importante discorso politico sull’India, dal titolo “Defining Our Relationship with India for the Next Century”, in vista del viaggio ufficiale nel paese, in programma la prossima settimana. Tali proposte includono la vendita di droni Guardian, tecnologie per portaerei, aerei da combattimento F-18 e F-16. “Confermando all’India lo status di ‘partner di rilievo per la difesa’, approvato l’anno scorso a larga maggioranza del Congresso, e il reciproco interesse all’espansione della cooperazione marittima, l’amministrazione Trump ha offerto un menù di opzioni per la difesa all’attenzione dell’India“, ha spiegato il segretario di Stato Usa. “Apprezziamo il ruolo che l’India può giocare nella sicurezza e nella stabilità globale e siamo pronti a fare in modo che disponga di una maggiore capacità militare”, ha affermato.

Le proposte avanzate da Washington a Nuova Delhi nel settore della difesa hanno la potenzialità di cambiare la cooperazione commerciale e militare tra i due paesi. Lo ha detto il segretario di Stato Usa, Rex Tillerson, che ha tenuto al Center for Strategic and International Studies (Csis) di Washington il suo primo importante discorso politico sull’India, dal titolo “Defining Our Relationship with India for the Next Century”, in vista del viaggio ufficiale nel paese, in programma la prossima settimana. Tali proposte includono la vendita di droni Guardian, tecnologie per portaerei, aerei da combattimento F-18 e F-16. “Confermando all’India lo status di ‘partner di rilievo per la difesa’, approvato l’anno scorso a larga maggioranza del Congresso, e il reciproco interesse all’espansione della cooperazione marittima, l’amministrazione Trump ha offerto un menù di opzioni per la difesa all’attenzione dell’India“, ha spiegato il segretario di Stato Usa. “Apprezziamo il ruolo che l’India può giocare nella sicurezza e nella stabilità globale e siamo pronti a fare in modo che disponga di una maggiore capacità militare”, ha affermato. Secondo Tillerson la crescente convergenza di interessi e valori tra Stati Uniti e India offre all’area indo-pacifica la migliore opportunità di difendere il sistema globale fondato sul diritto, ma è anche una grande responsabilità. L’esponente dell’amministrazione Trump ha detto chiaramente che Washington guarda con favore alla crescita dell’influenza indiana: “Siamo ansiosi di far crescere la nostra relazione mentre l’India cresce come leader e potenza nel mondo. La forza dell’area indo-pacifica è sempre stata l’interazione tra molti popoli, governi, economie e culture”. Tillerson ha aggiunto che gli Stati Uniti sono impegnati a collaborare con qualsiasi paese dell’Asia meridionale o anche oltre che condivida una visione di sovranità basata sulle regole. Il fatto che la Marina Militare indiana sia la prima all’estero a usare gli aerei da pattugliamento marittimo P-8, che mette in campo effettivamente insieme alla controparte della Marina Usa, la dice lunga sugli interessi marittimi condivisi e sulla necessità di potenziare l’interoperabilità”, ha argomentato Tillerson. “I record militari degli Stati Uniti in materia di velocità, tecnologia e trasparenza parlano da soli, e così il nostro impegno per la sovranità e la sicurezza dell’India“, ha proseguito, concordando col segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Jim Mattis, sulla necessità che le due più grandi democrazie del mondo dispongano anche delle maggiori capacità militari. “Non potrei essere più d’accordo. Quando collaboriamo per affrontare le preoccupazioni comuni sulla sicurezza, non proteggiamo solo noi stessi, ma gli altri”, ha affermato. Infine, Tillerson ha ricordato la partecipazione dei due paesi alle missioni delle Nazioni Unite per costruire capacità di peacekeeping in Africa, un esempio di come gli Stati Uniti e l’India possano essere “ancore di pace in un mondo tumultuoso”. Nella stessa giornata l’amministrazione Trump ha informato l’India che gli Stati Uniti forniranno alla futura portaerei della Marina indiana il sistema Emals (Electromagnetic Aircraft Launch System), la catapulta elettromagnetica per il decollo dei caccia, costruito da General Atomics, di cui Nuova Delhi aveva fatto richiesta durante l’amministrazione Obama. Il mese scorso il Segretario Usa alla Difesa Mattis, in visita in India, ha annunciato un salto di qualità nella cooperazione militare. General Atomics sta pianificando l’apertura di un ufficio a Nuova Delhi per rispondere alle necessità del governo indiano. Nella stessa giornata l’amministrazione Trump ha informato l’India che gli Stati Uniti forniranno alla futura portaerei della Marina indiana il sistema Emals (Electromagnetic Aircraft Launch System), la catapulta elettromagnetica per il decollo dei caccia, costruito da General Atomics, di cui Nuova Delhi aveva fatto richiesta durante l’amministrazione Obama. Il mese scorso il Segretario Usa alla Difesa Mattis, in visita in India, ha annunciato un salto di qualità nella cooperazione militare. General Atomics sta pianificando l’apertura di un ufficio a Nuova Delhi per rispondere alle necessità del governo indiano. Tutto l’intervento è stato incentrato sullo spostamento degli equilibri nell’area indo-pacifica. Per Tillerson gli Stati Uniti e l’India possono essere la voce di cui il mondo ha bisogno, i difensori dell’ordine basato sul diritto, i promotori di un accesso senza ostacoli agli spazi condivisi, di mare, di terra o digitali, in particolare nelle regioni strategiche: “L’India e gli Stati Uniti devono promuovere una maggiore prosperità e sicurezza con l’obiettivo di un’area indo-pacifica aperta e libera. Il centro di gravità del mondo si sta spostando nel cuore dell’Indo-Pacifico. Gli Stati Uniti e l’India – con i valori di pace, sicurezza, libertà di navigazione, architetture libere e aperte – devono essere i fari orientale e occidentale dell’Indo-Pacifico”, ha argomentato il ministro. Un altro appello per il rafforzamento dell’asse Washington-Nuova Delhi era stato lanciato il giorno precedente dall’ambasciatrice degli Stati Uniti all’Onu, Nikki Haley, in un evento organizzato dall’Us India Friendship Council. La diplomatica ha dichiarato che il presidente Usa, Donald Trump, “ha assunto un approccio più duro nei confronti del Pakistan per l’ospitalità  concessa ai terroristi” e che uno dei pilastri della sua strategia per l’Asia del Sud è lo sviluppo della partnership strategica con l’India. “L’interesse preponderante dell’America in Afghanistan e in tutta l’Asia meridionale è quello di eliminare i paradisi sicuri per i terroristi che ci minacciano e di tenere le armi nucleari fuori dalla portata dei terroristi; utilizzeremo tutti gli elementi della nostra forza economica, diplomatica e militare per perseguire questi obiettivi”, ha affermato. Haley ha ricordato che l’India ha già dato un importante contributo alla stabilità dell’Afghanistan e può offrirlo ancora, così come può essere d’aiuto riguardo al Pakistan: “Avremo davvero bisogno dell’aiuto dell’India in Afghanistan: sono buoni vicini e nostri partner nella regione. Quindi, contiamo su di loro non solo per le infrastrutture e per l’aiuto che possono dare per ricostruire l’Afghanistan; possono aiutarci anche a tenere d’occhio il Pakistan”, ha spiegato. “Abbiamo bisogno di vedere una partnership migliore dal Pakistan. Non possiamo continuare a vederli nascondere i terroristi. Dobbiamo vedere qualche cambiamento. L’India ci aiuterà a farlo”, ha aggiunto.

Category: MONDO, PRP Channel