Virus cinese, senza cura: lavarsi le mani per 20 secondi. Come trasportare in Italia un connazionale infettato?

Views

Cosa accadrebbe se un nostro connazionale all’estero venisse contagiato? Per fortuna, ovvero lungimiranza, abbiamo una capacità unica a livello mondiale. 

(Andrea Pinto) L’Italia, insieme con la Gran Bretagna e gli Stati Uniti è l’unica nazione al mondo che possiede una capacità molto speciale ed essenziale ai tempi moderni, il trasporto aereo sicuro in bio-contenimento. Una capacità offerta dall’Aeronautica Militare che ha avviato dal lontano 2006 una serie di corsi ed esercitazioni con gli ospedali Spallanzani di Roma e Sacco di Milano. L’attività di trasporto aereo con assetto di bio-contenimento è una delle eccellenze della nostra aeronautica militare, poco nota e che dovrebbe essere, invece, un motivo di orgoglio e soprattutto di riconoscenza per chi in passato ha pensato e poi attuato una capacità indispensabile, oggi diventata necessaria. 

 

Il trasporto sanitario aereo di pazienti altamente infettivi è una capacità dell’Aeronautica Militare, come detto, unica nel panorama internazionale.

Il trasporto di pazienti infettivi (affetti da Ebola, SARS, TBC, Dengue, Monkeypox ecc.), se effettuato con procedure comuni e velivoli ordinari, espone al rischio di diffusione del contagio a livello globale. 

In tali evenienze il trasporto è possibile solo tramite l’impiego di particolari sistemi d’isolamento aviotrasportabili e di personale altamente qualificato ed addestrato, che riesca a garantire elevati standard di sicurezza. 

L’Aeronautica Militare ha sviluppato la capacità di evacuazione aeromedica sin dal 2005 ed è l’unica forza aerea europea, insieme alla Royal Air Force britannica, ad avere una capacità simile.

Per il trasporto poi in ospedali specializzati in Italia ci sono i mezzi di biocontenimento della Croce Rossa Italiana. Ambulanze speciali dotate di barelle chiamate Isoarc, ad alta capacità in biocontenimento e munite di appositi filtri ad altissimo livello di protezione. Sono i mezzi di cui la Croce Rossa Italiana, Reparto Sanità Pubblica, dispone in esclusiva in tutta Europa e che ha già messo in campo in passato per fronteggiare i casi sospetti di ebola in arrivo all’aeroporto di Fiumicino.

Il virus di Wuhan in Cina

Un virus di cui ancora non si conosce il modo per attaccarlo e debellarlo e che ha già causato 25 decessi e centinaia di contagiati. In Cina due città sono state messe in quarantena, si stanno studiando eventuali rimedi farmaceutici, mentre l’Organizzazione Mondiale della Sanità riunitasi ieri ha dichiarato che non vi è un “pericolo mondiale”.

I sintomi sono simili a quello di un comuna influenza stagionale con febbre, tosse, difficoltà respiratorie e nei casi gravi polmonite o bronchite che diventano letali per i più deboli che già soffrono di patologie respiratorie.

L’Italia ha già  avviato un canale di sicurezza all’aeroporto di Fiumicino dove vengono controllati con scanner di rilevamento della febbre i passeggeri in arrivo dalla Cina.  

Gli esperti evidenziano che non ci sono mai stati vaccini contro i coronavirus, la famiglia cui appartiene anche il nuovo agente infettivo di Wuhan, simile alla SARS e alla MERS (sindrome mediorientale che si è diffusa nella penisola arabica). La maggior parte delle persone infettate da questi agenti patogeni guariscono spontaneamente. La trasmissione avviene da una persona infetta all’altra attraverso la saliva, con tosse e starnuti e toccando oggetti contaminati dal virus. L’incubazione, scrive Corsera è di di 5-6 giorni e i sintomi si presentano entro il decimo giorno. Fondamentale il lavaggio delle mani per 20 secondi anche con l’uso del normale sapone. 

Tutti i coronavirus provengono da serbatoi animali e quello nato a Wuhan sarebbe passato dal pipistrello al serpente e poi all’uomo a causa della promiscuità di contatti avvenuti nel mercato di pesce e animali vivi della città cinese. 

 

Virus cinese, senza cura: lavarsi le mani per 20 secondi. Come trasportare in Italia un connazionale infettato?