Xi: Cina leader mondiale entro il 2050

Views

Didl Tang Beijing su The Times ha raccontato il sogno di Xi Jinping: “Cina leader mondiale entro il 2050”.

Quando scoppiò la guerra nello Yemen nel 2015, una fregata cinese attraccò al porto di Aden e, sotto scorta armata, evacuò centinaia di cittadini cinesi a Gibuti. Il successo dell’operazione militare ha dimostrato al mondo di quanto lontano fosse arrivata la Cina. Una  una volta era un  Paese arretrato che lottava per nutrire la sua popolazione e non sarebbe mai stato in grado di svolgere una complessa missione di salvataggio per i suoi cittadini che vivono a migliaia di miglia di distanza.

Così ha raccontato Zhang Zuohe  – che aveva lavorato nello Yemen per una compagnia statale – il salvataggio: “Quando la nave si avvicinò, con l’altoparlante che diceva: compatrioti cinesi, siamo venuti per portarti a casa, tutti applaudivano  e urlavano: “Lunga vita alla Cina“.  L’operazione ha ispirato due film di successo, uno dei quali, Wolf Warrior 2, che ha incassato $ 608,6 milioni al botteghino. Sette decenni dopo la sua fondazione, la Repubblica popolare cinese è diventata una potenza economica strettamente controllata con un’espansione militare e una crescente capacità tecnologica. Il presidente Xi ha promesso che il suo paese diventerà un “leader globale” entro il 2050. “Il più grande sogno per la nazione cinese è realizzare il suo  ringiovanimento”, ha detto Xi in un discorso a ottobre scorso, in occasione del 70 ° anniversario del dominio del Partito Comunista. Sebbene l’espansione economica della Cina abbia rallentato quest’anno, si prevede che supererà gli Stati Uniti nel prossimo decennio per diventare la più grande economia del mondo. Xi Jinping, 66 anni, spera anche di rimodellare l’ordine mondiale con l’aiuto della controversa iniziativa Belt and Road, che collega la Cina con l’Africa e l’Europa attraverso reti terrestri e marittime, aumentando il suo peso geopolitico, nonché il commercio e la crescita economica.

Quando nel 1996 un gruppo di autori nazionalisti scrisse un libro di successo, China Can Say No, il titolo sembrava un sogno irrealizzabile, oggi invece non lo è più. Quest’anno il presidente cinese ha rifiutato di cedere alle pressioni di Washington durante una guerra commerciale all’ultimo proclamo. Ora tra Usa e Cina vi è un rallentamento delle tensioni.

Cambiamenti radicali non sono stati registrati nel campo sociale. La popolazione in Cina non  è più libera di quanto non lo fosse 10 anni fa. Il controllo statale  è aumentato. Testimonianza è la detenzione di oltre un milione di musulmani uiguri nei “campi di rieducazione”.

Dal 2012 la Cina ha sperimentato un sistema di credito sociale ad alta tecnologia che fa eco al sistema dei fascicoli del Partito Comunista, che conservava  un fascicolo su ogni cittadino. La sorveglianza è pervasiva. Utilizzando i big data, l’intelligenza artificiale e la sorveglianza ad alta risoluzione, si crea per ogni cittadino un punteggio del credito sociale che valuta tutti gli aspetti della vita di una persona. Questi strumenti  ad alta tecnologia supportano l’amministrazione. Fanno risparmiare energia, mantengono una lista aggiornata dei donatori di organi, permettono di pagare tasse e  bollette in tempo reale e seguono il flusso del  traffico nelle metropoli.

Chiunque è inserito nella lista nera avrà restrizioni per viaggiare, per l’accesso ai prestiti, per il lavoro e addirittura per l’educazione dei propri figli. La prigione è certa per i malfattori: i tribunali cinesi vantano un tasso di condanna pari a  quasi il 100%. In ambito economico i risultati della Cina sono innegabili. Decenni di forte crescita hanno trasformato la Cina da un paese povero ad un paese a reddito medio-alto.

Il suo Pil  ha raggiunto $ 13 trilioni nel 2017, rispetto ai $ 20 trilioni degli Stati Uniti e ai $ 18 trilioni dell’Ue. Il PIL cinese era circa un decimo di quello degli Stati Uniti nel 1996. L’aspettativa di vita è aumentata da 35 nel 1949 a 77 oggi.

Ora la Cina ha la terza forza militare più potente dopo gli Stati Uniti e la Russia. La marina ha recentemente commissionato la sua prima portaerei fatta interamente in casa, aggiungendo alla sua flotta due portaerei. Una terza è in costruzione, dotata di avanzate catapulte elettromagnetiche per il lancio dei caccia. A ottobre  lungo l’Avenue of Eternal Peace, Pechino per celebrare i  70 anni del Partito Comunista ha messo in mostra tutto il suo potere militare con ben 580 sistemi d’arma, tra cui droni e missili,  Tra questi c’era il DF-41, un missile a capacità nucleare che può raggiungere gli Stati Uniti in 30 minuti. Quest’anno la Cina è diventata il primo paese ad atterrare sul lato più lontano della luna e ha costruito il più grande radiotelescopio del mondo: il radiotelescopio sferico da cinquecento metri di larghezza (FAST). La Cina ha anche creato numerosi “super progetti”, tra cui la rete ferroviaria ad alta velocità più estesa del mondo e il più lungo ponte sul mare, il Hong Kong Zhuhai-Macao di 55 km.

Xi: Cina leader mondiale entro il 2050