Iraq: Italiani illesi, attacco iraniano con 12 missili a 2 basi Usa

Views

L’Iran ha lanciato più di una dozzina di missili balistici in due basi militari irachene dove ha sede il personale degli Stati Uniti e dei Paesi alleati, secondo i rapporti dei militari presenti nella regione e confermati dal Dipartimento della Difesa questa notte.

Il personale del contingente militare italiano (circa 900 unità presente in Iraq) si è radunato in un’area di sicurezza della base di Erbil, secondo quanto appreso dall’Ansa, dopo l’attacco di questa sera. I militari italiani si sarebbero rifugiati in appositi bunker e risultano tutti illesi. Il contingente italiano che fa parte della coalizione anti Daesh a guida Us è insediato a ridosso della zona dell’aeroporto.

I missili erano puntati sulla base aerea di Al-Assad nella provincia di Anbar e su una base a Erbil, nel Kurdistan iracheno. Non è ancora chiaro se ci siano state vittime.

Alle 19:45 (ora locale Usa), il portavoce del Pentagono ha rilasciato una dichiarazione secondo cui i funzionari della difesa stanno lavorando sulle valutazioni iniziali dei danni dell’attacco.

Queste basi erano già in allerta a causa delle minacce del regime iraniano“, ha dichiarato Jonathan Hoffman. “Mentre valutiamo la situazione e la nostra risposta, adotteremo tutte le misure necessarie per proteggere e difendere il personale, i partner e gli alleati degli Stati Uniti nella regione“.

Alle 21:45, il presidente Trump ha twittato: “Va tutto bene! Missili lanciati dall’Iran in due basi militari situate in Iraq. Valutazione delle vittime e dei danni in corso ora. Fin qui tutto bene!”

Il segretario alla Difesa Mark Esper aveva  detto ieri che gli Stati Uniti si aspettavano una sorta di ritorsione dall’Iran.

Dovremmo aspettarci che si vendicheranno in qualche modo“, ha detto Esper ai giornalisti al Pentagono, aggiungendo: “Non stiamo cercando di iniziare una guerra con l’Iran, ma siamo pronti a finirne una“.

Il Corpo della Guardia rivoluzionaria iraniana ha subito rivendicato la responsabilità degli attacchi missilistici. Subito dopo le 21:30, il ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif ha aggiunto la propria dichiarazione: “L’Iran ha adottato e concluso misure proporzionate di autodifesa ai sensi dell’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite contro la base da cui sono stati lanciati attacchi codardi contro i nostri cittadini e alti funzionari. Non cerchiamo l’escalation o la guerra, ma ci difenderemo da qualsiasi aggressione“.

Negli ultimi decenni, l’Iran ha in genere usato forze per procura per colpire gli Stati Uniti. Che Teheran, come stato-nazione, abbia avviato un’azione militare direttamente contro le forze statunitensi segnala la gravità dell’attacco.

La base di Al-Assad si trova a circa 230 miglia (370 km) dal confine iraniano, Erbil a circa 65 miglia (105 km). Le basi sono state attaccate da una dozzina di missili balistici a corto e medio raggio, secondo il Missile Defense Project del Center for Strategic and International Studies di Washington .

L’Iran ha investito molto nei suoi programmi balistici e missilistici da crociera, ne hanno circa 12 tipi già operativi e altri quattro in fase di sviluppo. Li aveva già messi alla prova nei conflitti in Yemen e altrove, ha affermato Tom Karako, che guida il Missile Defense Project.

Nel giugno 2017, l’Iran ha lanciato missili balistici sull’Iraq nella città siriana di Deir Ezzour dopo che l’ISIS aveva rivendicato attacchi a Teheran. Nel settembre 2018, l’Iran ha sparato missili a corto raggio contro i gruppi di opposizione curdi in Iraq, ha osservato Ali Vaez del gruppo di crisi internazionale. E a settembre, l’Iran ha abbinato missili e droni in un attacco ad un impianto petrolifero dell’Arabia Saudita ad Abqaiq.

Karako ha dichiarato che l’Iran sta attualmente aggiornando i suoi missili balistici con nuove attrezzature di mira, rendendoli più manovrabili e precisi.

È stata una dimostrazione  di forza da parte dell’Iran ma anche un’espressione della loro forza militare, che evidenzia la loro debolezza”, ha detto Karako. “Alla fine della giornata … le loro opzioni sono complessivamente limitate. L’equilibrio delle forze tra Stati Uniti e Iran è improponibile”.

Ci sono circa 5.200 militari  statunitensi in Iraq, ma non è  chiaro quanti  fossero di stanza ad Al-Assad o ad Erbil. Al-Asad, in particolare, è stato un luogo di alto profilo per le truppe statunitensi che svolgono la campagna contro l’ISIS in Iraq. Nel dicembre 2018, Trump visitò la base e disse che gli Stati Uniti sarebbero rimasti lì per “guardare” l’Iran, un’osservazione che fece infuriare Baghdad e portò a rinnovate le richieste  da parte di politici nazionalisti iraniani a chiedere l’espulsione degli Stati Uniti.

Trump domenica ha anche detto che gli Stati Uniti si rifiuteranno di lasciare l’Iraq fino a quando non ricompenserà gli Stati Uniti per i costi di costruzione di Al-Assad.

Abbiamo una base aerea straordinariamente costosa che è lì. Costruire costa miliardi di dollari “, ha detto Trump. “Non partiremo se non ci ripagheranno.”

Iraq: Italiani illesi, attacco iraniano con 12 missili a 2 basi Usa

EVIDENZA 1, MONDO |