Lavrov, preoccupante strategia militare dello spazio da parte degli Usa

Views

Il ministro degli Esteri russo Sergej #Lavrov ieri alla riunione dei ministri degli Esteri dei paesi che compongono il blocco #Brics (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica), riunitisi a Rio de Janeiro ha commentato la policy americana nel campo della difesa e sicurezza, l’intervista è stata ripresa dall’agenzia di stampa #Tass: “Lo sviluppo dei piani statunitensi di dispiegamento di sistemi di difesa antimissile nello spazio porterà a un’altra fase della corsa agli armamenti. Siamo preoccupati per i piani statunitensi di dispiegare armi nello spazio che sono già in fase di attuazione. Ciò porterà a un’altra fase qualitativa di una corsa agli armamenti. Come sapete, la #Russia e la #Cina hanno già presentato un progetto di proposta sulla prevenzione del dispiegamento di armi nello spazio alla conferenza sul disarmo a Ginevra. 

Apprezziamo il fatto che i paesi Brics convergano su risoluzioni annuali su questo problema durante le sessioni dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite”

Lavrov poi parla della sicurezza internazionale che è oltremodo minacciata dal deterioramento della strategia decennale, ormai consolidata della stabilità strategica. 

Esempi preoccupanti sono gli sforzi degli Stati Uniti per abbattere il trattato di difesa antimissile e il nuovo Start (Trattato strategico per la riduzione degli armamenti nucleari). L’incertezza persiste anche attorno al trattato Inf (Trattato sui missili a medio e corto raggio). Abbiamo suggerito di estenderlo ma non abbiamo ancora ricevuto risposta da #Washington“.

Il trattato sulle forze nucleari a intervallo intermedio tra la Russia e gli Stati Uniti scadrà il 2 agosto. Gli Stati Uniti hanno affermato che il trattato Inf (Intermediate-Range Nuclear Forces Treaty) era già morto perché sostengono che la Russia l’aveva per anni violato, in parte sviluppando e mettendo in campo il missile da crociera basato su missili nucleari Ssc-8. 

A febbraio scorso, Washington ha sospeso la sua partecipazione al trattato, dicendo che avrebbe abbandonato l’accordo il 2 agosto se la Russia non fosse tornata in condizioni di conformità. Mosca ha negato l’accusa di violazione del trattato e ha accusato Washington di aver violato l’accordo, cosa che anche gli Stati Uniti hanno negato. 

Il 3 luglio, il presidente russo Vladimir Putin ha firmato un disegno di legge che sospende la partecipazione del paese al trattato. Il decreto è stato approvato dal parlamento russo il mese scorso.

Trattato Inf

Il trattato Inf, firmato dal presidente degli Stati Uniti, Ronald Reagan, e dal presidente sovietico, Mikhail Gorbachev, nel 1987, è stato considerato un importante accordo sul controllo degli armamenti. 

Vieta alla Russia e agli Stati Uniti di possedere, produrre o condurre voli di prova di missili da crociera lanciati a terra e missili balistici con una gamma da 500 a 5.500 chilometri. Il trattato limita il numero di testate dispiegate a 1.550 per ogni parte. Il “Quotidiano del Popolo” cinese spiega, così come riporta l’agenzia italiana Nova, che in un articolo su “Arms Control Today”, una rivista mensile sulla non proliferazione e sulla sicurezza globale, Daryl G. Kimball, direttore esecutivo della Arms Control Association, con sede negli Stati Uniti, ha suggerito di estendere il nuovo Trattato di riduzione delle armi strategiche, noto anche come Nuovo Start per cinque anni al fine di “fornire una base per un accordo successivo più ambizioso”.

 

Lavrov, preoccupante strategia militare dello spazio da parte degli Usa

EVIDENZA 2, MONDO |