Mosca sta esaurendo le sue armi di precisione

Views

La Russia sta esaurendo i suoi missili di precisione e le sue fabbriche di armi non riescono a soddisfare la domanda. Le sanzioni stanno avendo, anche se lentamente, un evidente impatto sulla produzione industriale bellica russa. Ora Mosca è costretta a trasportare i suoi missili da parti lontane del Paese verso il fronte ucraino.

Il loro stock è limitato ed è in esaurimento e li stiamo vedendo che stanno trasportando i missili Kalibr da altre direzioni strategiche in cui potrebbero essere invece immagazzinati“, ha affermato un funzionario occidentale, riferendosi ai missili da crociera lanciati dal mare. “Ciò, fa capire che la loro scorta di armi di precisione si sta riducendo.”

La valutazione, dell’esperto occidentale, arriva quando gli Stati Uniti e i loro alleati europei stanno intensificando gli sforzi per armare Kiev e prepararsi ad un conflitto prolungato. Nel frattempo l’amministrazione Biden sta cercando di farsi approvare dal Congresso l’invio 33 miliardi di dollari in più in aiuti militari, economici e umanitari a favore dell’Ucraina.

Sul campo di battaglia, scrive il FT, il Pentagono sostiene che la Russia sia indietro rispetto al suo obiettivo di circondare le forze ucraine nel Donbas: “Riteniamo che avrebbero voluto essere molto più avanti in termini di accerchiamento totale delle truppe ucraine a est e non sono stati in grado di collegare il nord con il sud. In effetti, non sono neanche lontanamente vicini a collegare il nord con il sud mentre gli ucraini continuano a contrattaccare”.

La maggior parte degli attacchi russi sono concentrati nella regione orientale del Donbas in Ucraina e nella città costiera di Mariupol, ha affermato l’alto funzionario statunitense del Dipartimento Difesa, aggiungendo che la maggior parte dell’operazione militare con i missili di nuova generazione non è stata condotta con la precisione richiesta. “Pensiamo che il problema sia dovuto al mancato rifornimento di missili di precisione”.

Il funzionario occidentale ha affermato che le difficoltà della Russia nel rifornire di armi guidate sono state causate sia dalla “qualità della loro base industriale” sia dalle sanzioni occidentali che stanno “limitando la loro capacità di soddisfare la richiesta proveniente dal campo di battaglia”.

Il progresso russo nel Donbas è stato “lento e irregolare”, poiché le sue forze incontrano la dura resistenza ucraina e stanno cercando di imparare dagli errori del passato, ha affermato il funzionario statunitense. Hanno fatto progressi limitati a sud-est e sud-ovest di Izyum e verso le città di Slovyansk e Barvinkove.

Gli Stati Uniti ritengono che la Russia stia cercando di spostare le forze a nord fuori Mariupol, ma anche lì i progressi sono stati lenti, ha aggiunto il funzionario statunitense. Altrove, le forze russe hanno preso di mira l’Ucraina centrale e occidentale con bombardamenti per cercare di impedire all’Ucraina di rifornire e rafforzare le proprie truppe nel sud e nell’est, ha affermato il funzionario. I recenti attacchi a Kiev avevano lo scopo di prendere di mira la capacità di produzione militare e gli attacchi che hanno colpito le aree residenziali “potrebbero essere stati un errore nel targeting” ha affermato il funzionario.

Mosca sta esaurendo le sue armi di precisione