Nuvo flusso di migranti sudanesi in Europa via Marocco ed Algeria

Views

Il numero di aspiranti migranti sudanesi verso l’Europa, attraversanso il Marocco, è aumentato notevolmente, poiché il passaggio attraverso la Libia è diventato sempre più difficile. A scriverlo oggi è il quitidiano francese Le Monde che, in dettaglio, racconta la storia di alcuni scampati ad un recente naufragio.


Issam ha una mano ingessata, dolori alla spalla e una ferita alla testa che sta lentamente guarendo. A Casablanca, il ventiduenne sudanese sta continuando la sua convalescenza, un mese dopo il tentativo di ingresso forzato a Melilla, enclave spagnola nel nord del Marocco, durante il quale sono morti 23 migranti secondo Rabat e almeno 27 secondo l’Associazione marocchina per i diritti umani (AMDH).

Issam conserva solo alcune immagini violente di questa tragedia. Ricorda che mentre stava scavalcando la recinzione è stato colpito da un manganello della polizia. È caduto e ha perso i sensi. Quando ha ripreso conoscenza, è stato messo su un autobus e inviato nel sud del Paese. Da allora si è trasferito a Casablanca.

Si aggira per le strade con i suoi compagni di viaggio, che erano tra i 1.500 migranti che il 24 giugno hanno cercato di entrare nel possedimento spagnolo – l’unica frontiera terrestre, insieme a Ceuta,
dell’Unione Europea sul continente africano -. Le associazioni locali hanno potuto stabilire che la maggior parte di loro era sudanese.


Se in precedenza la loro presenza in Marocco aveva attirato poca attenzione, quel giorno il loro numero ha rivelato un nuovo fenomeno: un cambiamento nel percorso migratorio di questi cittadini, che generalmente provengono dal Darfur e dal Kordofan, due regioni tormentate dal conflitto.

Alcuni provengono anche dal Sud Sudan, un Paese devastato dalla guerra civile.

La presenza di sudanesi in Marocco è abbastanza nuova”, conferma Hassan Ammari, presidente dell’associazione Aides aux migrants en situation vulnérable (AMSV), a Oujda (nord-est).

“Le prime ondate sono arrivate dal confine algerino nell’estate del 2021. Prima di allora, i loro numeri erano marginali”.

“Storicamente, questo Paese confinante con il Sudan è stato la rotta per i sudanesi che raggiungevano l’Italia attraversando il Mediterraneo centrale”, afferma Sara Prestianni dell’ONG EuroMed Rights. Ma le crescenti violenze subite dai migranti in territorio libico li hanno costretti a percorrere altre strade, secondo l’esperto di migrazione. Cita “la forte instabilità politica in Libia, con le milizie che controllano il territorio e per le quali i migranti sono contanti, la repressione nei centri di detenzione, l’accresciuto ruolo della guardia costiera libica, a cui l’Italia ha affidato il controllo delle frontiere e le intercettazioni in mare”.

Molti hanno quindi deciso di effettuare queste grandi deviazioni attraverso l’Algeria e il Marocco, incoraggiati anche dal passaparola e passati da trafficante a trafficante.

A giugno, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) in Marocco ha contato 1350 richiedenti asilo e rifugiati sudanesi, rispetto ai soli 150 dell’anno precedente. Al contrario, il numero di migranti sudanesi che arrivano in Italia, in particolare dalla Libia, è diminuito negli ultimi anni.

“Nel 2018 hanno rappresentato il 7% degli arrivi. Oggi non compaiono nemmeno più tra le prime dieci nazionalità”, osserva Sara Prestianni. Il loro esempio mostra come il rafforzamento di un confine non
faccia altro che spostare le rotte. In questo caso, questi migranti hanno dovuto percorrere una strada più lunga, con sempre maggiori pericoli. Oltre alle violenze subite nel loro Paese, che darebbero diritto allo status di rifugiato, devono sopportare il transito per mancanza di accesso legale al territorio europeo.

La terribile storia di Issam – sopprusi e violenze alla luce del sole

Issam ha lasciato il Darfur nel 2018. inizialmente si è diretto verso l’Egitto, poi, non riuscendo a raggiungere l’Europa da lì, ha proseguito verso la Libia.

I trafficanti che aveva pagato per attraversare il confine al valico di Saloum lo hanno condotto nel deserto, in una casa sorvegliata da uomini armati che hanno chiesto un riscatto e, non ottenendolo, lo hanno sottoposto ai lavori forzati. È fuggito dopo sei mesi e si è recato a Tobruk (nord-est). Per accumulare dei risparmi, ha trovato lavoro in un’officina di saldatura. Un anno dopo, aveva raccolto la somma richiesta dai contrabbandieri per raggiungere l’Italia: 3.000 dinari libici (600 euro) per il viaggio di 1.250 km fino a Tripoli, 8.000 per la traversata del Mediterraneo.


Sulla strada per la capitale libica, il pick-up si è fermato a Beni Ulid, 160 km a sud-est di Tripoli. “Questo non era previsto. Lì ho avuto molta paura, ho visto africani venduti come schiavi”, racconta. “Mi hanno portato in una casa, mi hanno chiesto 2.000 dinari, minacciandomi di legarmi, picchiarmi e mandare dei video alla mia famiglia perché inviasse i soldi”.

Issam paga e si dirige verso la costa. Salpa da Zouara una sera della primavera 2021 su una barca di legno con circa 250 migranti a bordo. La costa di Lampedusa è in vista quando l’imbarcazione viene intercettata dalla guardia costiera libica. Issam viene mandato in prigione, dove rimarrà per due mesi.

“Tutto ciò che accade lì è disumano. I prigionieri muoiono di fame, i malati non vengono curati. Siamo sempre sconfitti. Con altri sudanesi, ha formato un gruppo per fuggire. “Una mattina abbiamo sfondato la porta. La polizia ci ha sparato addosso, ci sono stati dei morti”.

Dopo la prigione, viene messo sulle tracce della strada occidentale dai contrabbandieri. Ha pagato loro 4.000 dinari libici per il passaggio in Algeria. In una decina di giorni ha raggiunto la città di confine di Maghnia, uno dei principali punti di partenza dei migranti verso il Marocco. Issam viene portato in un “ghetto”, una casa per immigrati clandestini, dove gli vengono chiesti altri 150 euro per attraversare il
confine. Riesce al secondo tentativo.

Con il confine algerino da una parte e la barriera marocchina dall’altra, “questa frontiera è un passaggio complicato”, sottolinea, a condizione di anonimato, un operatore umanitario in Marocco che conosce bene i flussi in questa regione: “I migranti passano spesso attraverso le montagne. Possono essere derubati, arrestati dalla polizia algerina o da quella marocchina, che li rimanda in Algeria. Alcuni sono arruolati nel traffico di droga per servire come muli. A Oujda, sul versante marocchino, questi sopravvissuti si incontrano con i refoulé di Ceuta e Melilla. Cercano di sopravvivere per strada. Alcuni trovano rifugio nella chiesa della città, altri vengono portati in “case ghetto” dove “sono ospitati ma devono pagare una cosiddetta ‘tassa comunitaria’“, continua la nostra fonte: “Se non paghi, non esci. Abbiamo visto di tutto, violenza, minacce di morte…”. Per paura di essere arrestati, altri si recano a Casablanca o a Rabat, oppure si stabiliscono nei campi della foresta di Gourougou, vicino a Melilla, da anni rifugio precario per molti migranti. Aspettano il prossimo tentativo di attraversare il confine dell’enclave spagnola che, con i suoi tre reticolati e sempre più militarizzato, è diventato difficile da attraversare nel corso degli anni.
A Casablanca, Issam aspetta di essere reintegrato. Poi prenderà la strada per Melilla o Ceuta. Il Marocco non è un paese in cui può stabilirsi. “Qui dormiamo per strada. Non abbiamo documenti, né lavoro, né futuro. Nel mio Paese c’è la guerra. Cercare di nuovo di raggiungere l’Europa? “Non ho scelta”, dice con un sospiro di disperazione. Anche a rischio della sua vita. “Ci proverò tutte le volte che sarà necessario”.

Nuvo flusso di migranti sudanesi in Europa via Marocco ed Algeria