Il Quad avvia un programma di sorveglianza marittima nel Pacifico per controllare la Cina

Views

Usa, Giappone, India e AustraliaQuad – hanno dato il via ad un programma di sorveglianza marittima nel Pacifico per controllare Pechino. Biden ha parlato con i premier, il giapponese Kishida, l’indiano Modi, e l’australiano di origine italiana, Albanese, di tutte le controversie mondiali, Ucraina inclusa specificando che quest’ultima è più di una questione europea. È un problema globale. Ha poi puntato i dito verso Mosca, colpevole di voler sterminare l’identità ucraina e ha avvertito i colleghi che navighiamo una cupa ora nella nostra storia condivisa.

Biden ha evidenziato come la Russia ma anche la Cina abbiano da tempo avviato temerarie battaglie economiche a livello globale che si stanno poi traducendo in espansionismo territoriale e militare. La preoccupazione americana e dei quattro del Quad sono le mire cinesi su Taiwan.

Nel Quad fa parte anche l’India che fino ad oggi non ha mai condannato la Russia e per di più sta acquistando a prezzi “stracciati” il gas di Mosca. Modi durante il suo intervento ha detto di lasciare perdere Putin, confermando ancora una volta la sua simpatia verso Mosca che oltre al gas gli vende anche le armi.

Biden ha poi ritrattato su quanto detto martedì scorso, quando aveva affermato che gli Usa erano pronti a difendere militarmente Taipei, ribadendo che la linea degli Usa non è cambiata, restando quindi ancorata alla One China Policy e al Taiwan Relations Act, che obbligano Washington a riconoscere Pechino come unico governo cinese, ma nello stesso tempo a garantire all’isola gli strumenti per difendersi, non inviando pertanto alcun militare americano sull’isola.

Il Quad ha varato l’iniziativa Maritime Da main Awareness, per controllare il traffico marittimo. Si tratta, scrive Repubblica, di un sistema satellitare che diffonderà in tempo reale le informazioni raccolte sui movimenti delle navi della Repubblica popolare. In prima battuta punta a limitare attività illegali come la pesca di frodo e il contrabbando, ma non sfugge la sua caratura militare per tenere a bada anche le ambizioni espansionistiche di Pechino nell’intera regione del Pacifico.

Nel “fact sheet” distribuito dalla Casa Bianca si parla di lotta al dark shipping, ossia il contrabbando di ogni genere, compreso quello dei passaggi di petrolio in mare utilizzati da paesi come Iran e Corea del Nord per evadere le sanzioni, ora adottati anche dalla Russia.

Il Quad avvia un programma di sorveglianza marittima nel Pacifico per controllare la Cina

| EVIDENZA 3, MONDO |